Vantaggi e svantaggi nell’avere un socio

Vantaggi e svantaggi di un socio

Quando si avvia una nuova attività ci si trova davanti ad un bivio: soli o con un socio?

Ovviamente in entrambi i casi ci sono i pro e i contro. Ed è proprio all’inizio della presa in considerazione di quello che si sta per iniziare il momento giusto per decidere cosa fare e come comportarsi.

Ci sono varie valutazioni da fare ma spesso la risposta giusta arriva dall’intuito sempre attento.

Qualunque sia l’opinione da tenere presente, bisogna bilanciare vantaggi e svantaggi e tirare la conclusione da prendere.

Per decidere meglio cosa fare bisogna valutare sei vantaggi e sei svantaggi che si andranno ad affrontare nel caso di una o dell’altra decisione.

Quali sono i sei vantaggi?

I sei vantaggi sono:

  1. bilanciare competenza e conoscenza: collaborare con un socio significa poter avere più competenze a portata di mano;
  2. più contanti: un socio può portare denaro sia personale ma anche riuscendo ad avere prestiti o finanziamenti per iniziare l’attività;
  3. avere altre opportunità di business: è l’opportunità per condividere il lavoro avendo così anche la possibilità di progettarsi in nuovi business per incrementare il lavoro dell’azienda;
  4. equilibrio tra lavoro e vita personale: condividendo la gestione del lavoro ci si può alleggerire avendo più tempo per se stessi…quindi maggiore vita personale!;
  5. supporto morale: si potrebbe avere bisogno di un supporto morale sia per le difficoltà che per i successi…dividere tutto aiuta a vicenda!;
  6. nuova prospettiva: un socio può fornire un nuovo punto di vista che potrebbe essere d’aiuto nell’azienda per affrontare qualsiasi tipo di valutazione.
  7. Quali sono i sei svantaggi?

  8. disaccordi professionali: uno dei pericoli sono i disaccordi che potrebbero sorgere danneggiando sia la sua solidità dell’azienda ma anche i rapporti fra i due;
  9. accordi “pre-matrimoniali”: prima di iniziare l’avvio a due converrebbe sottoscrivere un accordo che tuteli per ogni evenienza. E’ l’unico modo per mettersi al sicuro: meglio prevenire prima che trovarsi in difficoltà dopo;
  10. problemi personali: potrebbero insorgere problemi personali per vari motivi che potrebbero rendere difficile anche il proseguimento del lavoro;
  11. mancanza di autonomia: quando si è soli si ha il controllo su tutto mentre lavorando con un socio si divide tutto nelle gestione dell’attività. Quindi l’autonomia va persa e si dovrà scendere a compromessi;
  12. responsabilità: un’attività oltre a distribuire profitti e successi comporta anche responsabilità che bisogna essere in grado di saper affrontare anche se non proprie ma di altri (socio);
  13. future complicazioni: una società può avere una vita limitata. In previsione di ciò bisognerebbe inserire nello statuto societario una clausola “diritto di prelazione” con cui si decide di vendere a terzi la società ma che garantisce la precedenza sull’acquisto delle quote del socio;
  14. suddivisione del network: il network è tutta la ruota che gira intorno al business (contatti, conoscenze personali e professionali, fornitori, ecc.). Insomma rapporti che sono intrattenuti dai soci e che devono dividersi in base alle competenze ed ai compiti che vengono assegnati.