Lenus Media: quando la diversificazione è strategia

Diversificazione, in economia, è la capacità di crescere offrendo nuovi prodotti, servizi, con la presenza su più settori e più mercati. L’economia tradizionale e locale è stata travolta negli ultimi anni da una rivoluzione digitale crescente. Le piccole e medie imprese si sono dovute confrontare con richieste sempre più numerose e varie. Lo possiamo definire come l’effetto di un’unione tra globalizzazione e consumismo che ha coinvolto anche e soprattutto il settore dei servizi.

La diversificazione non prevede la rinuncia alla specializzazione produttiva o professionale. Infatti, non si può rinunciare di punto e bianco ad un servizio che si offre da molto tempo, ad un mestiere intellettuale o artigianale che si è appreso tra studi e anni di lavoro.

Offrire più prodotti, servizi, aprirsi strade in nuovi mercati e settori può essere esigenza ma è soprattutto strategia. Le realtà business che vanno avanti trovano il giusto equilibrio tra diversificazione e specializzazione.

Diversificazione e servizi: l’esempio di Lenus Media

Il sito web, fondamentale per molte agenzie e realtà professionali, permette subito ai clienti di capire quali servizi offri. Comunicazione e Web Marketing, seppur unite sono due attività diverse e Lenus Media lo specifica in home page con due riquadri diversi.

L’agenzia di comunicazione aiuta le aziende a comunicare con i clienti attraverso il brand. Il Web Marketing opera sulla dimensione online e quindi offre non solo strategie ma strumenti tecnici specifici.

Questi due settori creano inevitabilmente una diversificazione di base di servizi e attività. Tutte esperienze di vita e professione che portano allo sviluppo di nuovi reparti aziendali e anche progetti sociali e editoriali.

Se web marketing o comunicazione significano solo costruire un brand o sviluppare siti, è importante garantire al cliente la capacità di poterli gestire autonomamente. Affiancare tra i servizi la formazione aziendale, l’organizzare eventi diventa una necessità che non solo fa crescere il bilancio ma arricchisce le competenze da mostrare e su cui investire.

Internazionalizzazione: la crescita verso nuovi mercati

Igor Ansoff, un matematico statunitense ma di origine russa, ha rappresentato il processo di diversificazione in quattro dimensioni.

1) produzioni nuove per gli stessi clienti

2) nuove attività strategiche

3) estensione dell’attività verso aree e mercati nuovi

4) cresce con sempre nuovi prodotti.

La diversificazione fa parte della crescita aziendale e di conseguenza anche l’internazionalizzazione. Di questo schema a quattro punti, la possiamo inserire nel terzo posto anche se non è obbligatorio uscire dai propri confini nazionali ma necessario. Sicuramente, lo è per un’agenzia che vive di Internet e servizi online.