La magia dei mercatini

Piccoli negozi itineranti

L’idea base dello stand nei mercatini risale a tantissimi anni fa. Gli artigiani o i rivenditori allestiscono uno spazio mettendo in mostra gli oggetti che commercializzano. La particolarità di questo tipo di attività è l’essere itineranti: piazze, sagre, mercati chi partecipa a questo tipo di vendita non ha un punto di riferimento, ma si sposta continuamente. Ovviamente il range di clienti raggiunti è molto più grande non dipendendo da un solo territorio e partecipando a delle manifestazioni particolari l’affluenza raddoppia.

L’evoluzione degli ambulanti è varia: c’è chi partecipa ai mercati una volta a settimana, chi si muove sul territorio proponendo anche merce diversa a seconda del luogo; vi è chi decide di aprire un punto fisso di vendita e in parallelo continua a muoversi.

Grazie ai prezzi vantaggiosi, questo tipo di attività, rappresenta una valida alternativa soprattutto in tempo di crisi.

Come diventare diventare un venditore itinerante

Per lanciarsi in questo tipo di business è necessario rivolgersi al Comune di residenza per informarsi di tutta la trafila burocratica da seguire, prima fra tutte, occorre richiedere la licenza di vendita su aree pubbliche e aspettare che venga rilasciata. Inoltre si deve ottenere l’autorizzazione alla sosta su luogo pubblico e pagare una tassa per la sua occupazione. Per chi decide di vendere prodotti alimentari è obbligatorio seguire dei corsi professionali specifici.

Il costo per le tariffe di occupazione del suolo pubblico variano da Comune a Comune e ne possono essere rilasciate in numero prestabilito. Per addentrarsi meglio in questo mercato e ricevere le giuste informazioni ci si può rivolgere alle associazioni di categoria che sapranno guidare gli aspiranti commercianti nella giusta direzione. Chi non è in regola con tutte le autorizzazioni rischia multe molto care e il sequestro della merce.

Mercatini di tutti i tipi

È vero, il lavoro da ambulante risulta pesante: occorre guidare anche per ore, montare e smontare l’espositori dei prodotti, avere a che fare con le intemperie ed essere un buon venditore.

Esistono tantissimi settori che vanno forte in questo tipo di mercato soprattutto:

  • alimentari, basta pensare ai gelati, caldarroste, pesce, carne
  • piante
  • casalinghi
  • gadget sportivi o turistici
  • artigianato
  • oggetti natalizi.

Sicuramente per avere maggiori rendite fa tanto avere un buon posto, si pensi a chi vende panini di fronte al Colosseo, oppure si può scegliere di promuovere il proprio prodotto in giro per l’Italia, e non solo.