Dove investire nel 2017?

Investire in senegal? certo che sì!

Non è uno scherzo! Magari in questo momento starai pensando: “Il Senegal! Oddio l’Africa nera! Alta mortalità infantile, analfabetismo, povertà diffusa, persone che si spostano sulla groppa di un cammello per stradale distrutte e semideserte…” niente di più sbagliato!

By: Jeff Attaway

Da molti anni ormai il paese è il fiore all’occhiello dell’africa occidentale francese, una delle aree più dinamiche e sviluppate dell’intero continente. Ma partiamo  dal principio: cosa rende una nazione così giovane (la piena indipendenza dalla Francia è stata ottenuta solo nel 1960) una delle maggiori opportunità di investimento a livello mondiale? Innanzitutto un governo liberale, democratico, accorto ai bisogni della popolazione e agli investitori stranieri in ottica di aumento generale del benessere.

La classe dirigente locale è istruita e preparata grazie a un sistema di istruzione che sforna annualmente capitale umano di alto livello (soprattutto agrotecnici e professionisti nel settore dei servizi). Ciò è ottenuto con accordi con gli istituti di formazione stranieri  che portano tanti giovani senegalesi a studiare all’estero per poi tornare in patria ad ampliare le fila di politici e manager di grande esperienza  e ciò va tutto a beneficio dell’intera comunità.

La corretta gestione dell’amministrazione pubblica rende il Senegal una nazione politicamente stabile in cui il tasso di criminalità è bassissimo, i diritti umani sono garantiti dalla costituzione redatta su modello occidentale e la proprietà privata è protetta  da un sistema giudiziario ampiamente efficiente.
Ma c’è di più!Photo Credit © investinsenegal. com

Come riportato dal portale ufficiale InvestinSenegal. com, può interessarti forse il fatto che l’economia gode di uno stato di salute eccezionale grazie ad investimenti pubblici mirati che coinvolgono  settori chiave come l’agricoltura, le risorse umane, l’energia, il turismo. In particolare nel campo delle risorse naturali il paese si distingue  per il grande rispetto della natura e in quello finanziario per l’accorta e trasparente gestione dei conti pubblici. Cosa ha portato, ti chiederai, ad una crescita economica  tanto importante? Sicuramente una posizione geografica strategicamente interessante.

La piccola nazione africana è infatti  punto di incontro tra i più importanti mercati mondiali (dal porto di Dakar è possibile raggiungere gli usa in 7 ore di navigazione e l’Europa in 6) e la presenza di tre aeroporti internazionali crea collegamento veloce con tutte le più grandi potenze economiche mondiali.

Ma anche all’interno del paese la circolazione delle persone e delle merci avviene in modo rapido e sicuro grazie ad un’ampia rete stradale e ferroviaria.  Infine ti sembrerà paradossale ma la crescente qualità della vita  sta portando il paese a divenire il paese meta ricorrente di di turisti e businessman occidentali.

Dakar è una capitale moderna, dinamica perfettamente in linea con gli standard dei grandi centri urbani occidentali, piena di alberghi di lusso, grattacieli e banche. Direte : e il resto del paese ? Non è di ecco abbandonato a se stesso, basti pensare ad esempio che internet e i servizi di pagamento elettronico e di telefonia mobile sono diffusissimi tra la popolazione locale.

Federico D'Alessio

Federico D'Alessio

Federico D’Alessio, 27 anni. Laureato in Consulenza e Management aziendale presso l’Università degli Studi di Salerno. Amo viaggiare, leggere, ascoltare musica e soprattutto tenermi aggiornato sulle dinamiche socio-economiche mondiali. Prediligo le tematiche legate all’ambiente, l’alimentazione e la tecnologia. Nel tempo libero mi piace praticare sport e conoscere nuove persone. Vivo a Cava de' Tirreni

Leggi altri articoli di Federico D'Alessio - Website

2 febbraio 2017

FlICKR GALLERY