Le chiavi del successo

Essere imprenditore: la capacità di saper valutare la realizzazione dei prodotti/servizi

Essere imprenditore comporta la necessità di assumersi tante responsabiltà, prendere decisioni, selezionare i membri che faranno parte dell’organico e, anche, la possibilità di valutare e di monitorare i processi che avvengono all’interno dell’organizzazione. Quando si fa riferimento all'”approccio per processi“, l’imprenditore deve essere in grado di pianificare la realizzazione di un prodotto o di un servizio.

Immettere sul mercato un nuovo prodotto o erogare servizi (nel caso di imprese di servizio e/o di studi professionali etc.) comporta la necessità, da parte dello stesso imprenditore, di identificare e di definire oculatamente:
1) gli obiettivi per la qualità del prodotto e/o servizio erogato, ovvero i requisiti che questo deve possedere necessariamente per soddisfare le esigenze esplicite, implicite e latenti del cliente,
2) i processi che verranno coinvolti,
3) la giusta ed utile documentazione da acquisire e da produrre, comprese le registrazioni finalizzate ad attestare, in ogni fase del processo, il soddisfacimento delle aspettative della clientela,
4) le risorse necessarie,
5) le specifiche attività di verifica, validazione, monitoraggio, ispezione ed i nuovi criteri di accettazione.

Saper pianificare e saper gestire i contratti e gli ordini

I processi e le attività che un imprenditore pianifica nel caso di immissione sul mercato di un prodotto nuovo non coincidono del tutto con quelli concernenti ad un prodotto che risulta essere già a catalogo. In entrambi i casi, è necessaria l’interazione con altri processi, quali la gestione delle risorse e del miglioramento.
Nel casi in cui si decida di immettere sul mercato un nuovo prodotto o una nuova linea di prodotti (esempio un nuovo modello di lavatrice se azienda produttrice di elettrodomestici o un nuovo modello di computer, se impresa produttrice di pc, etc.), possiamo ipotizzare che l’imprenditore e la sua organizzazione debba pianificare i processi relativi:
1) alla ricerca di mercato,
2) all’analisi della concorrenza,
3) all’approvigionamento,
4) alla fabbricazione,
5) alla distribuizione,
6) all’assistenza post vendita.

Nel caso di realizzazione dei prodotti che sono già a catalogo, l’imprenditore e la sua organizzazione dovrà pianificare i processi relativi:
1) all’approvigionamento delle risorse e materie prime,
2) alla fabbricazione,
3) alla distribuzione,
4) all’assistenza post vendita.

Accanto alla fase di pianificazione, l’imprenditore deve essere in grado di gestire le offerte ed i contratti sottoscritti con i propri clienti (consumer/business). Per quanto concerne i prodotti ed i servizi venduti, si devono indicare sempre i requisiti:
1) esplicitati dai consumatori, compresi quelli relativi alle attività di consegna e di assistenza post-vendita,
2) non esplicitati dal cliente, ma necessari per l’uso specificato o atteso.
I requisiti indicati dal cliente possono presentare delle carenze di definizione: il compito dell’organizzazione è quello di colmare queste lacune con la definizione di requisiti cogenti stabilisti da normative e leggi, relativi al corretto o sicuro funzionamento del prodotto, finalizzati ad acquisire margini di mercato o fornire prestazioni diverse da quelle della concorrenza.

Un’utilissima raccomandazione e suggerimento per la buona organizzazione: prima di realizzare un prodotto e/o un servizio o prima di accettare contratti o ordini, l’imprenditore deve essere in grado di riesaminare i requisiti relativi al prodotto/servizio, accertandosi che siano compresi e definiti in modo completo, che non esistano divergenze tra i requisiti di un contratto o di un ordine rispetto a quelli espressi, di disporre delle risorse necessarie (persone, mezzi, materie, attrezzature, conoscenze, etc.).

Valutazione della capacità imprenditoriale: considerazioni utili

Per essere un bravo ed un imprenditore di successo, è necessario che, al momento della stipula di un contratto e/o di un ordine, tutte le funzioni aziendali coinvolte siano chiamate a fornire il loro contributo in termini di:
1) fattibilità,
2) costi,
3) tempistiche.
Questo significa che la fattibilità di un contratto e/o ordine non deve essere delegata solo al reparto commerciale ma, a seconda del tipo di fornitura, a tutte quelle funzioni aziendali coinvolte nello sviluppo e nella piena realizzazione della fornitura stessa.
La fattibilità di un contratto e/o ordine non deve essere relegata solo ed esclusivamente al reparto commerciale: si pensi, ad esempio, alla fornitura di un frigorifero ad un cliente business, la funzione commerciale deve coinvolgere la funzione tecnica per la progettazione, la funzione di approvigionamento per l’acquisto di componenti, la funzione di produzione/installazione per la realizzazione del prodotto, la funzione di assistenza tecnica per la gestione post-vendita.

Per venire incontro alle esigenze del cliente, occorre attribuire una netta importanza alla fase di pianificazione della progettazione e dello sviluppo. In questa fase devono essere individuate:
1) le attività connesse alla fase del riesame, verifica e validazione,
2) le responsabilità del personale,
3) le modalità di gestione delle interfacce tra i gruppi coinvolti,
4) eventualità criticità.
In tale modo, l’imprenditore è in grado di raggiungere i risultati in linea con quanto pianificato: ciò comporta il buon successo dei processi aziendali e la conseguente soddisfazione della clientela, in un’ottica di valore aggiunto e di soddisfazione economica.

 

Jacqueline Facconti

Jacqueline Facconti

Dr.ssa FACCONTI JACQUELINE. Laurea magistrale in STRATEGIA, MANAGEMENT E CONTROLLO conseguita con votazione 110 e lode, Master in Comunicazione, Impresa, Assicurazione e Banca. Web Editor e Web Content Manager, Redattore e cultrice di materie economiche, finanza, assicurazione e merceologia. Esperta in Quality e Human Resource Management, scrittrice professionista e collaboratrice presso U.O Tributi Comune di Sarzana.

Leggi altri articoli di Jacqueline Facconti

Follow Me:
Facebook

30 giugno 2017

FlICKR GALLERY