Diventare imprenditore

Donne Imprenditrici: come investire partendo da zero

L’imprenditoria “in rosa” si sta sviluppando sempre di più anche nel nostro Paese, in settori che si possono definire come ancora incontaminati, in precedenza, monopolizzati dagli uomini. Infatti, oggi le donne non si limitano più a sognare il posto perfetto o l’avanzamento di carriera, ma hanno deciso di prendere in mano la propria vita e di diventare Donne Imprenditrici, arrivando da sole, e con molta grinta, al successo.

La vita di una donna che decida di aprire una propria azienda o un’attività non è semplice, ma non lo è neppure quella di un uomo che, nel 2017, decida di fare un passo del genere: i rischi ci sono e il mondo degli affari non assicura il successo a nessuno.

Tuttavia, le imprenditrici devono fare i conti anche con i preconcetti e, per questo motivo, una donna che voglia utilizzare il proprio talento dovrà informarsi bene e mettere in atto alcune strategie per non fallire nel realizzare i propri sogni. Solo in questo modo le aspettative di successo potranno non subire una delusione che, in questi casi, potrebbe comportare anche la perdita di ingenti somme di denaro.

Da dove iniziare per diventare Donne Imprenditrici

Una donna che voglia iniziare a muovere i primi passi nel mondo degli affari dovrà cominciare con l’informarsi e con una formazione che la possa aiutare ad andare avanti senza esitazioni. Esistono molte realtà in grado di guidare le imprenditrici lungo questo percorso, come l’Aidda, l’Associazione Imprenditrici e  Donne Dirigenti d’Azienda, che si occupa non solo di organizzare incontri tematici con le imprenditrici già associate, ma anche di consigliare e aiutare chi voglia utilizzare le proprie competenze nel mercato.

Anche le Regioni e i Comuni offrono sostegno alle Donne Imprenditrici, non solo dal punto di vista orientativo, ma anche finanziando i progetti più ambiziosi e in grado di avere un impatto positivo sulla città. Accedere, infatti, ad un prestito totale o parziale può aiutare anche quelle donne che non abbiano risorse proprie a fare il primo passo.

Infine, sarà necessario conoscere le normative più importanti relative al settore nel quale si voglia investire. Esistono, a tale scopo, appositi comitati all’interno delle Camere di Commercio presenti in tutte le città, come quello per l’Imprenditoria Femminile, che aiutano a fare chiarezza anche nelle situazioni più intricate.

I settori migliori per diventare Donne Imprenditrici

Una donna non dovrebbe porsi limiti e dovrebbe poter investire nel proprio talento, senza fare riferimento a quelli che, tradizionalmente, sono considerati “lavori femminili e maschili”.

Tuttavia, secondo le ultime rilevazioni della Camera di Commercio di Milano le Donne Imprenditrici stanno avendo un particolare successo in alcuni settori, forse proprio per alcuni elementi che le rendono più capaci di interfacciarsi con una determinata categoria di clienti.

Il primo settore è, infatti, quello del turismo e della ristorazione, nel quale si individua una grossa percentuale di dirigenti e di imprenditrici che si occupano dell’ospitalità e che, insieme al commercio, costituisce la fetta più grande di impego delle donne imprenditrici. Vengono, poi, la comunicazione e il tempo libero, che vedono le donne utilizzare la loro creatività nello sviluppo di attività di successo.

Infine, i settori che vedono ancora  una scarsa presenza di Donne Imprenditrici sono quello dei trasporti e quello delle costruzioni, due aree nelle quali, da sempre, anche il semplice personale impiegato è prettamente di sesso maschile.

Una tendenza che, invece, non ci si aspetterebbe sembrerebbe quella relativa all’aumento dell’imprenditoria femminile nei settori legati all’agricoltura. Questi, infatti, sono in “rimonta” per entrambi i sessi, ma sembra che le donne se la cavino piuttosto bene nell’interfacciarsi con un mondo, come quello della coltivazione e della trasformazione, che per tradizione ha visto il sesso femminile lavorare soprattutto a livello di manodopera.

 

 

giusy.pigi

Sicula doc anche se nata a Berlino, blogger affermata, estremamente curiosa, appassionata sin da ragazzina di scrittura e tecnologia, praticamente il suo pane quotidiano. Equilibrio sopra ogni cosa, senza pregiudizi e non teme i giudizi altrui, in grado di portare a termine importanti affari. Riesce a mantenere sempre l’autocontrollo grazie alla sua diplomazia e charme. Gli vengono riconosciute capacità intuitive.

Leggi altri articoli di giusy.pigi - Website

14 luglio 2017

FlICKR GALLERY