Le chiavi del successo

Collaboratori da Remoto, cinque consigli per sceglierli

Avere a che fare con un gruppo di lavoro costituito da Collaboratori da Remoto può non essere facile: la distanza e il fatto di non poterli vedere tutti i giorni può limitare molto non solo la comunicazione ma anche l’efficienza del gruppo stesso, che può arrivare a perdere la motivazione.

Per questi motivi è assolutamente importante scegliere i propri Collaboratori da Remoto in modo oculato e seguendo alcune linee guida che possono mettere al riparo dai problemi che questo sistema lavorativo può comportare in concreto. Infatti, un gruppo non coeso può arrivare ad affossare completamente un business e potrà danneggiare anche profondamente chi abbia investito in un’impresa ingenti somme di denaro.

Ovviamente, questo può accadere anche nel caso in cui i propri collaboratori siano dipendenti presenti in sede, ma i pericoli che si possono presentare nel caso in cui il gruppo sia suddiviso in tante sedi diverse, e tutte indipendenti, sono molto più alti e molto più frequenti. Le difficoltà comunicative, le problematiche che si possono presentare nella vita di ogni collaboratore e anche gli elementi puramente tecnici di una tale forma di lavoro possono rendere davvero tutto molto più difficile.

Ecco, quindi, alcuni consigli per effettuare una scelta non solo corretta, ma anche vantaggiosa per il proprio business.

Iniziare dai colloqui

Effettuare dei colloqui per dei Collaboratori da Remoto per il proprio business può non essere particolarmente semplice, in quanto non si avrà la possibilità di vedere direttamente la persona nel proprio ufficio. Utilizzando i mezzi più avanzati dal punto di vista tecnologico sarà possibile superare alcune di queste barriere, ma sarà comunque necessario seguire un percorso consapevole per effettuare questi colloqui.

Innanzitutto si partirà dall’esame dei curricula, che dovranno essere valutati nel loro complesso, come un primo passo verso la collaborazione. Successivamente, si passerà ai colloqui: sarà necessario farne più di uno, in modo da scegliere le persone giuste tra i tanti candidati che si potranno presentare per il lavoro da freelance.

Si potranno sottoporre i candidati a diverse prove, a seconda del posto di lavoro per il quale abbiano inviato il proprio curriculum. Ad esempio, chi si sia candidato per scrivere degli articoli potrà vedere la richiesta relativa alla presentazione di pezzi di prova, che potranno essere anche retribuiti nel caso in cui si passi alla sua assunzione. Nel caso in cui, invece, si richieda una collaborazione commerciale, il colloquio potrà essere incentrato sull’indicazione di problematiche concrete, e sulla richiesta di eventuali soluzioni da applicare.

Solo in questo modo si potrà evitare di dover collaborare con persone che non sapranno poi svolgere il lavoro in concreto.

Sapere di quanti Collaboratori da Remoto si avrà bisogno

Prima di assumere un qualsiasi freelance o collaboratore da remoto sarà necessario avere ben presente il numero di persone che potranno essere utili per realizzare il proprio lavoro. Prima di prendere una decisione, quindi, sarà fondamentale avere un piano d’azione al quale attenersi: bisognerà mettere nero su bianco tutti i compiti che saranno necessari per portare avanti il proprio business, in modo da averli ben chiari davanti ai propri occhi.

Successivamente, si dovranno suddividere questi compiti, potendo indicare quali di questi si potranno svolgere “in proprio” e quali, invece, andranno affidati ai Collaboratori da Remoto. In questo modo si avrà un quadro generale della situazione, dal quale partire per effettuare non solo i colloqui ma anche le assunzioni. Nessuno, infatti, vorrebbe trovarsi ad avere troppi collaboratori e poco lavoro da affidare loro, con la conseguente insoddisfazione da parte di chi avrà preso l’incarico. Sarà sempre possibile assumere nuovi collaboratori, nel caso in cui questi dovessero rendersi indispensabili.

Affidare il compito giusto al freelance giusto

Dopo l’assunzione sarà necessario non perdere tutto il vantaggio conquistato nell’assumere la persona giusta per il lavoro da svolgere. Ecco perché si dovrà affidare ad ogni freelance il compito più giusto per le sue competenze: ad un esperto di contenuti web non si potrà affidare il lavoro di un creatore di siti web, e viceversa. Oltre a ciò che i collaboratori sapranno fare “sulla carta” si dovranno differenziare le mansioni anche in riferimento alla loro indole: due web editor potranno non essere uguali e potranno apportare un contributo differente all’azienda, magari per una maggiore dose di creatività o di spirito di iniziativa. In questo modo sarà sicuramente possibile ottenere il meglio dal proprio gruppo di Collaboratori da Remoto.

Mantenere attiva la comunicazione

I nuovi mezzi tecnologici oggi consentono di comunicare costantemente con tutti, senza dover attendere che la persona sia a casa o si trovi nella situazione migliore per poter parlare.

Proprio per questo sarà necessario mantenere aperta la via della comunicazione, anche dopo aver affidato un lavoro ad un freelance. Non si potrà dare un incarico e poi attendere semplicemente la consegna del lavoro finito: il collaboratore apprezzerà sicuramente l’interessamento del capo e anche la sua disponibilità per fornire un aiuto concreto nel caso di dubbi o difficoltà.

Allo stesso modo, bisognerà invitare i Collaboratori da Remoto a comunicare il più possibile nel caso in cui ci siano punti non chiari nel lavoro affidato. Non ci si vorrà trovare, infatti, nella situazione per la quale il collaboratore realizzi male il lavoro per una comunicazione errata o fallace da parte del coordinatore.

Condividere i propri obiettivi

Anche nel caso in cui si abbiano solo Collaboratori da Remoto, o comunque questi costituiscano una buona parte della forza-lavoro, sarà possibile condividere la propria visione del lavoro con loro. Proprio allo scopo di creare un gruppo di lavoro coeso sarà fondamentale mettere insieme delle persone che possano avere ben presenti gli obiettivi del team e che siano capaci di portarli avanti.

L’obiettivo di un’azienda, infatti, non è solo il semplice guadagno, ma anche la possibilità di portare al pubblico qualcosa che possa gradire e che possa aiutarlo a risolvere i propri problemi. Questi riferimenti andranno condivisi con il proprio gruppo di collaboratori, i quali potranno anche apportare degli elementi nuovi alla visione del business proveniente da chi l’abbia creato all’origine.

Il ruolo del coordinatore, in conclusione

I punti esaminati sono dei riferimenti che possono rivelarsi utili a tutti coloro che dovranno coordinare un gruppo di Collaboratori da Remoto. Il ruolo del coordinatore non è mai semplice, e spesso questo non appartiene direttamente al capo o all’imprenditore, ma a Project Manager che, a propria volta, dovranno riferirsi a persone in una posizione superiore sulla scala gerarchica a livello lavorativo. Per questo il ruolo del coordinatore non è semplice e dovrebbe essere affidato a persone che abbiano ben chiari i propri compiti, che siano in grado di gestire persone diverse e che non si facciano prendere dal panico per le problematiche che si potranno presentare durante lo svolgimento dell’attività lavorativa.

Chi si trovi al di sopra del coordinatore, inoltre, dovrà cercare di capire le difficoltà che questo dovrà affrontare e i problemi che, molto spesso, non dipenderanno dalla sua volontà: ritardi nelle consegne, comunicazioni errate e scarsa collaborazione saranno all’ordine del giorno e dovranno essere sempre messi in conto.

Solo utilizzando la giusta dose di calma, di comprensione e anche di preparazione sul campo sarà possibile coordinare un gruppo di Collaboratori da Remoto e portare avanti un lavoro che non solo consenta di soddisfare i clienti, ma renda l’ambiente di lavoro, seppur virtuale, piacevole e stimolante per tutti.

 

 

 

giusy.pigi

Sicula doc anche se nata a Berlino, blogger affermata, estremamente curiosa, appassionata sin da ragazzina di scrittura e tecnologia, praticamente il suo pane quotidiano. Equilibrio sopra ogni cosa, senza pregiudizi e non teme i giudizi altrui, in grado di portare a termine importanti affari. Riesce a mantenere sempre l’autocontrollo grazie alla sua diplomazia e charme. Gli vengono riconosciute capacità intuitive.

Leggi altri articoli di giusy.pigi - Website

15 agosto 2017

FlICKR GALLERY